GIORNALINO delle parrocchie di Carpena e Magliano

logo 2.jpg
logo 1.jpg

 

Parrocchie di Carpena e Magliano

 

NOTIZIARIO

XI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO 13 giugno 2021

 

UDIENZA GENERALE DI PAPA FRANCESCO DI mercoledì 9 giugno 2021

In questa penultima catechesi sulla preghiera parliamo della perseveranza nel pregare. È un invito, anzi, un comando che ci viene dalla Sacra Scrittura. L’itinerario spirituale del Pellegrino russo comincia quando si imbatte in una frase di San Paolo nella Prima Lettera ai Tessalonicesi: «Pregate ininterrottamente, in ogni cosa rendete grazie» (5,17-18). La parola dell’Apostolo colpisce quell’uomo ed egli si domanda come sia possibile pregare senza interruzione, dato che la nostra vita è frammentata in tanti momenti diversi, che non sempre rendono possibile la concentrazione. Da questo interrogativo comincia la sua ricerca, che lo condurrà a scoprire quella che viene chiamata la preghiera del cuore. Essa consiste nel ripetere con fede: “Signore Gesù Cristo, Figlio di Dio, abbi pietà di me peccatore!”. Una semplice preghiera, ma molto bella. Una preghiera che, a poco a poco, si adatta al ritmo del respiro e si estende a tutta la giornata. In effetti, il respiro non smette mai, nemmeno mentre dormiamo; e la preghiera è il respiro della vita. Come è dunque possibile custodire sempre uno stato di preghiera? Il Catechismo ci offre bellissime citazioni, tratte dalla storia della spiritualità, che insistono sulla necessità di una preghiera continua, che sia il fulcro dell’esistenza cristiana. Ne riprendo alcune. Afferma il monaco Evagrio Pontico: «Non ci è stato comandato di lavorare, di vegliare e di digiunare continuamente – no, questo non è stato domandato -, mentre la preghiera incessante è una legge per noi» (n. 2742). Il cuore in preghiera. C’è dunque un ardore nella vita cristiana, che non deve mai venire meno. È un po’ come quel fuoco sacro che si custodiva nei templi antichi, che ardeva senza interruzione e che i sacerdoti avevano il compito di tenere alimentato. Ecco: ci deve essere un fuoco sacro anche in noi, che arda in continuazione e che nulla possa spegnere. E non è facile, ma deve essere così. San Giovanni Crisostomo, un altro pastore attento alla vita concreta, predicava così: «Anche al mercato o durante una passeggiata solitaria è possibile fare una frequente e fervorosa preghiera. È possibile pure nel vostro negozio, sia mentre comperate sia mentre vendete, o anche mentre cucinate» (n. 2743). Piccole preghiere: “Signore, abbi pietà di noi”, “Signore, aiutami”. Dunque, la preghiera è una sorta di rigo musicale, dove noi collochiamo la melodia della nostra vita. Non è in contrasto con l’operosità quotidiana, non entra in contraddizione con i tanti piccoli obblighi e appuntamenti, semmai è il luogo dove ogni azione ritrova il suo senso, il suo perché, la sua pace. Certo, mettere in pratica questi principi non è facile. Un papà e una mamma, presi da mille incombenze, possono sentire nostalgia per un periodo della loro vita in cui era facile trovare tempi cadenzati e spazi di preghiera. Poi, i figli, il lavoro, le faccende della vita famigliare, i genitori che diventano anziani… Si ha l’impressione di non riuscire mai ad arrivare in capo a tutto. Allora fa bene pensare che Dio, nostro Padre, il quale deve occuparsi di tutto l’universo, si ricorda sempre di ognuno noi. Dunque, anche noi dobbiamo sempre ricordarci di Lui! Possiamo poi ricordare che nel monachesimo cristiano è sempre stato tenuto in grande onore il lavoro, non solo per il dovere morale di provvedere a sé stessi e agli altri, ma anche per una sorta di equilibrio, un equilibrio interiore: è rischioso per l’uomo coltivare un interesse talmente astratto da perdere il contatto con la realtà. Il lavoro ci aiuta a rimanere in contatto con la realtà. Le mani giunte del monaco portano i calli di chi impugna badile e zappa. Quando, nel Vangelo di Luca (cfr 10,38-42), Gesù dice a Santa Marta che la sola cosa veramente necessaria è ascoltare Dio, non vuol affatto disprezzare i molti servizi che lei stava compiendo con tanto impegno. Nell’essere umano tutto è “binario”: il nostro corpo è simmetrico, abbiamo due braccia, due occhi, due mani... Così anche il lavoro e la preghiera sono complementari. La preghiera – che è il “respiro” di tutto – rimane come il sottofondo vitale del lavoro, anche nei momenti in cui non è esplicitata. È disumano essere talmente assorbiti dal lavoro da non trovare più il tempo per la preghiera. Nello stesso tempo, non è sana una preghiera che sia aliena dalla vita. Una preghiera che ci aliena dalla concretezza del vivere diventa spiritualismo, oppure, peggio, ritualismo. Ricordiamo che Gesù, dopo aver mostrato ai discepoli la sua gloria sul monte Tabor, non volle prolungare quel momento di estasi, ma scese con loro dal monte e riprese il cammino quotidiano. Perché quella esperienza doveva rimanere nei cuori come luce e forza della loro fede; anche una luce e forza per i giorni che sarebbero stati prossimi venturi: quelli della Passione. Così, i tempi dedicati a stare con Dio ravvivano la fede, la quale ci aiuta nella concretezza del vivere, e la fede, a sua volta, alimenta la preghiera, senza interruzione. In questa circolarità fra fede, vita e preghiera, si mantiene acceso quel fuoco dell’amore cristiano che Dio si attende da noi. E ripetiamo la preghiera semplice che è tanto bello ripetere durante il giorno, tutti insieme: “Signore Gesù, Figlio di Dio, abbi pietà di me peccatore”.

AVVISI

Catechismo adulti: oggi domenica 13 giugno alle ore 9.00 a Magliano; prossimo appuntamento 27 giugno alle ore 9.00

 

Vendita pasta fresca e piadine: a Carpena continua la vendita di pasta fresca preparata dalle nostre sfogline. È possibile anche prenotare piadine tradizionali. È gradita la prenotazione telefonando ad Angela 333.7861740.  Il ricavato è destinato al finanziamento delle attività parrocchiali.

 

Battesimo: sabato 19 giugno alle ore 16.30 a Carpena battesimo di Tommaso Mambelli

 

Battesimo: sabato 26 giugno alle ore 10.00 a Carpena battesimo di Mia Bravi

 

DESTINAZIONE 5x1000 e 2x1000 FILARMONICA: È possibile, in sede di dichiarazione dei redditi, devolvere sia il 5x1000 che il 2x1000 a favore di Filarmonica comunicando il codice fiscale 04049730403

 

OTTO PER MILLE CHIESA CATTOLICA: Si ricorda a tutti quanto è importante sottoscrivere a favore della Chiesa cattolica il proprio 8x1000 anche in assenza della dichiarazione dei redditi, così da continuare a sostenere le attività della Chiesa italiana. È una firma che non costa nulla, ma che fondamentale per la Chiesa.

 

CIRCOLO ACLI MAGLIANO. Le prossime due settimane il Circolo apre il mercoledì e il venerdì dalle 20 alle 22,45. Siete tutti invitati! Per informazioni fare riferimento a Walter (cell 3472794199) e Angelo (cell 3204946759). 

 

LA TOMBOLA. 

Venerdì alle ore 20,30 tradizionale appuntamento con la tombola VI ASPETTIAMO!!

Benedizioni Magliano: 21.6.2021: Via Para dall’1 al 17 e 2 /A; 22.6.2021: Via Para dal 2 al 22; 25.6.2021: Via Farazzano e Fontanacce

Magliano sotto le stelle edizione 2021.

Nel corso della estate si svolgeranno a Magliano diversi eventi, a cura dei giovani della parrocchia, Aps Filarmonica Carpena Magliano, PCM e circolo Acli Magliano. Nello specifico: LUNEDI' 14/06: IL PAESE SENZA SOLE ore 21.00; Spettacolo della Scuola di teatro dei bambini; MERCOLEDI' 16/06: SPORTIVI SI NASCE ore 21 Proiezione Europei di calcio; DOMENICA 20/06: SPORTIVI VS AFFAMATI 2 ore 18 Proiezione Europei di calcio & Cucina mediterranea; GIOVEDI'

24/06: SERATA DI S. GIOVANNI ore 19.45 Serata itinerante all'insegna delle tradizioni

 

Giovedì 24 giugno Festa di S.Giovanni a Magliano: tradizionale serata di festa della campagna in occasione della festa di S.Giovanni, organizzata dalla Comunità parrocchiale di Magliano-Carpena e dal Circolo ACLI. Il programma prevede una passeggiata campestre attraverso alcune vie di Magliano e la visita del parco di Villa Mazzoni-Albicini, con partenza dalla chiesa alle ore 20,00 e ritorno verso le 21,30 per la prosecuzione della festa all’aperto in allegria. 

 

Sante Messe feriali: dal 14 giugno al 18 giugno non verranno celebrate Messe feriali per assenza del parroco

 

DDL Zan: Giovedì 17 giugno 2021 - ore 21,00 presso Salone multimediale Parrocchia di Vecchiazzano incontro pubblico: DDL ZAN - Nuove tutele e diritti civili? Bavaglio alle opinioni? Limite alle scelte educative? Approfondiamolo insieme. Interverranno:   avv. Annalisa Chiodoni Avvocato penalista, APG XXIII - dott.Marco Iasevoli Giornalista Avvenire; Conduce e modera: Luciano Ravaioli - Pastorale sociale e del lavoro Diocesi Forlì-Bertinoro 

 

Consiglio pastorale Carpena: mercoledì 23 giugno alle ore 20.30 a Carpena consiglio pastorale Parrocchiale per parlare organizzare della festa parrocchiale.

 

Concorso canoro: Venerdì 3 settembre in parrocchia si svolgerà il 10° Festival di Carpena, concorso canoro aperto a gruppi musicali e cantanti solisti. Per informazioni, ricevere il regolamento e iscriversi occorre inviare una mail a festivalcarpena@libero.it